giovedì 11 giugno 2015

L'età della febbre. Storie di questo tempo a cura di Christian Raimo e Alessandro Gazoia

A nove anni dalla Qualità dell'aria, Minimum fax presenta una bella antologia di autori italianissimi under 40, L'età della febbre. Storie di questo tempo, e schiera un'armata da novanta non attingendo ai suoi scrittori di sempre, ma provenienti da altre esperienze editoriali. Undici penne – Violetta Bellocchio, Emmanuela Carbè, Claudia Durastanti, Manuele Fior (autore della copertina), Vincenzo Latronico, Antonella Lattanzi, Rossella Milone, Vanni Santoni, Paolo Sortino, Chiara Valerio, Giuseppe Zucco – da scoprire o riscoprire.
La curiosità verso questa raccolta è stata fin dalle prime notizie molta, smisurata direi, soprattutto perché alcuni di questi li ho letti in un passato più o meno recente (Bellocchio, Santoni, Valerio) giusto anche per sentirmi confermare che i nostri autori scrivono davvero bene. 
Mi è difficile riassumere un libro così eterogeneo di scritture e input, nonostante il grande filo conduttore scandito dal titolo. Non voglio neanche smorzare il vostro interesse entrando nei dettagli, anzi mi terrò alla larga da qualsiasi trama. Non siate cauti con le aspettative, le mie sono state ripagate a pieno.
Personalmente, ho apprezzato moltissimo le storie di Vincenzo Latronico, Violetta Bellocchio, Rossella Milone, Manuel Fior, Emmanuela Carbé, Vanni Santoni, Giuseppe Zucco o forse tutti, devo ancora decidere.
L'età della febbre non narra della precarietà di questo tempo, è quasi un teorema inconfutabile, quanto a far quadrare il presente in tutte le sue sfaccettature che poi diventa attimo unico di vita. Del futuro neanche a parlarne, non è contemplato in una quotidianità da ridefinire fatta di attese, momenti opachi, nuove necessità. Il confine tra realtà e il sogno più fantasioso o visionario è labile, è indecifrabile il tempo in cui viviamo. Dunque, storie serrate che spesso non si concludono felicemente, ma non per questo non sono degne di essere ricordate. Alcune hanno esiti altissimi, sorprendenti, originali spettatori di vita, ciascuno ha le sue peculiarità, i suoi segni, i suoi battiti. Affrontano con piglio differente l'individualità e piccole relazioni senza perdere di vista l'invisibile, ossia l'idea di una certa felicità.
Questi racconti fluiscono senza alcuna intenzione di analizzare il contesto socio-politico, ma di prendere in considerazione se stessi o l'oggetto del racconto, le ossessioni e il sollievo, la patologia e la crescita. E questo che succede quando si ha la febbre: il tempo si dilata, i contorni sono sfocati, la realtà è nella persona. Guarendo si è altro rispetto al prima, nuova energia da incanalare. Questo libro può essere una cura. La migliore al momento.

Titolo: L'età della febbre. Storie di questo tempo
Autore: (a cura) Christian Raimo, Alessandro Gazoia
Editore: Minimum fax
Pagine: 329
Anno di pubblicazione: 2015
EAN: 9788875216498
Prezzo di copertina/ebook: € 16,00 - € 7,99

1 commento :

  1. Io ci sono quasi. Ho letto i racconti (me ne mancano un paio) e ora sto cercando di capire come sono collegati tra di loro, e al nostro tempo.

    RispondiElimina

L'editore del mese: Topipittori

Questo mese si parla di storie di Natale